play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    AmicaFm The Way Of Your Life!

News

Amy regina (a distanza) dei Grammy

today12/02/2008

Background
share close

LOS ANGELES – La cantante britannica Amy Winehouse ha fatto man bassa di premi a Los Angeles, alla 50esima edizione dei Grammy Awards, gli Oscar della musica, vincendone cinque, ma l’ambita statuetta per il miglior album se l’è aggiudicata il jazzista Herbie Hancock con l’album «River: The Joni Letters», un lavoro dedicato alla grande cantautrice canadese Joni Mitchell.
REGINA A DISTANZA – La Winehouse, appena 24 anni e un talento cristallino (anche se enormi problemi con droga e alcol), ha vinto i premi per la canzone dell’anno con «Rehab», artista rivelazione dell’anno, disco dell’anno con «Back in Black», miglior interprete pop femminile, miglior album pop, sempre con «Back in Black». L’artista inglese ha partecipato alla cerimonia di premiazione, cantando però via satellite da Londra: non era potuta andare a Los Angeles perché, proprio a causa dei problemi con stupefacenti e alcolici, le era stato rifiutato il visto per gli Stati Uniti. La Winehouse è appena uscita da una clinica per specializzata in trattamenti di disintossicazione.

Amy Winehouse (Afp)
LACRIME – Amy ha cantato da un club londinese, alle 4.40 del mattino per partecipare alla diretta con gli studios di Los Angeles. Con lei c’erano solo gli amici più intimi e i familiari, anche se all’esterno si erano raccolte diverse decine di fan che hanno atteso la cantante dopo la performance. La Winehouse non è apparsa in forma eccezionale, ma ha cantato senza perdere il controllo della situazione (come le era successo invece qualche mese fa, prima di essere costretta a ricorrere alle cure di una clinica per disintossicarsi). Alla notizia dei premi vinti si è anche commossa, e tra le lacrime ha ringraziato «mamma e papà», è ha dedicato i successi «al mio Blake, al mio Blake in carcere», riferendosi al marito finito in carcere per una storia di loschi traffici, minacce e false testimonianze. «Questi premi sono anche per Londra – ha concluso Amy – Per Londra, perché Camden sta bruciando». L’altro giorno, infatti, il celebre mercato di Camden era stato semidistrutto da un violento incendio.

PREMIATO ANCHE SPRINGSTEEN – Oltre a Herbie Hancock e Amy Winehouse, tra i pluripremiati ci sono anche Kanye West e Bruce Springsteen che hanno avuti tre riconoscimenti ciascuno.

CORRIERE.IT

Written by: admin

Rate it

Previous post


0%