play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    AmicaFm The Way Of Your Life!

News

ALEX DEL PIERO NELLA STORIA! SONO 200 GOL

today28/10/2006 33

Background
share close

Du-e-cen-to. Gol. Tutti con la maglia della Juventus. Poco importa se il 200°, l’ultimo, è viziato da un fuorigioco di partenza proprio del capitano, poi bravo e opportunista a trovare il guizzo che stende il Frosinone. E poco interessa che sia una rete arrivata dalla serie B, palcoscenico inusuale per un campione del suo livello. Anzi, è proprio l’ennesima prodezza realizzata su un campo della serie cadetta ad amplificare l’immagine di Alessandro Del Piero, rimasto in bianconero anche nel momento più drammatico della storia juventina. Per tanto tempo, quel pallone con scritto “200” è sembrato davvero non voler entrare. E la pressione per quel traguardo così vicino ha forse un po’ infastidito Ale, non brillantissimo nelle ultime apparizioni. Oggi, però, è arrivato il lieto fine. La favola si è chiusa nel modo migliore: la Juve stava faticando contro un avversario determinato e coriaceo, Del Piero è entrato dalla panchina e ha risolto la situazione, sfruttando un palo di Nedved carambolato su Trezeguet.
Duecento reti. Il più grande fu Giuseppe Meazza che con la maglia dell’Inter andò a segno 282 volte (241 in campionato, 12 nelle coppe italiane, 29 in quelle europee). Probabilmente irragiungibile, mentre sembrano alla portata di Del Piero, Alessandro Altobelli (209 sempre con l’Inter) e Gunnar Nordhal (221 con il Milan). Duecento gol. Semi sparsi in Italia e nel mondo. Dal 19 settembre 1993, quando in un Juventus-Reggiana, finita 4-0, segnò il suo primo gol. Reti di tutte le specie. Quasi sempre straordinarie. Di un repertorio esclusivo. Come il gol al River Plate nell’Intecontinentale vinta a Tokyo il 26 novembre 1996. Immagini nitide: porta alle spalle, girata e gol da posizione impossibile. Oppure come la rete al Borussia Dortmund del 28 maggio 1997. Replicata il 4 luglio scorso, ma con la maglia della Nazionale: stesso stadio, stessa porta, stesso angolo. Bella, indimenticabile, proprio come la numero 200. Lontana dai teatri della serie A, dove uno come Del Piero manca tanto, troppo. Una nuova firma, un nuovo sigiillo dell’ultima bandiera della Juve.
Da grande capitano, Ale ha voluto condividere il raggiungimento di questo traguardo con la sua gente, con i sostenitori che per lui stravedono da tanti anni: “Questo gol è dedicato a me stesso e a tutti quelli che hanno gioito con me per 200 volte – sono state le sue prime parole dopo la partita col Frosinone -. Un traguardo che mi riempie d’orgoglio per tutto quello che mi lega a questa squadra, a Torino, a questi tifosi”. E, da grande leader, Del Piero guarda già avanti: “Tre punti oggi, 8 ieri con l’arbitrato: in due giorni ne abbiamo fatti 11…”. Facile capire quale sarà la prossima missione: si chiama serie A.
DA GAZZETTA.IT

Written by: admin

Rate it

Previous post


0%