play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    AmicaFm The Way Of Your Life!

News

Ricatto a luci rosse a Belen

today23/11/2010

Background
share close

MILANO – Avrebbe ricattato la showgirl Belen Rodriguez chiedendole 500 mila euro e minacciandola di diffondere un presunto video a luci rosse che li ritraeva assieme in Argentina, quando lei aveva solo 17 anni. Con questa accusa un ex fidanzato della showgirl, Martinez Iardo, cittadino argentino, è stato iscritto nel registro degli indagati dalla Procura di Milano: è indagato per tentata estorsione in un’inchiesta coordinata dal pm Luigi Nuzi, e condotta dalla Squadra mobile di Milano, in seguito a una denuncia presentata in questura dalla stessa showgirl.

LA RISSA CON CORONA – Nei mesi scorsi, in alcune riviste di gossip era uscita la notizia di una rissa avvenuta in un ristorante a Milano e alla quale avevano partecipato Fabrizio Corona, il fidanzato di Belen, e lo stesso Martinez Iardo. In quell’occasione, infatti, Corona e Belen, avendo saputo che il giovane stava cercando di vendere il video, gli avevano dato appuntamento presentandosi come persone interessate all’acquisto e non rivelando la loro identità, per parlare con lui faccia a faccia. Quando il giovane era arrivato al ristorante, era scoppiata una rissa.

IL BLOG – A quanto si apprende, Belen Rodriguez si sarebbe decisa a sporgere denuncia negli stessi giorni in cui, lo scorso maggio, l’«opinionista» de «L’isola dei famosi» Selvaggia Lucarelli aveva diffuso sul suo blog la notizia dell’esistenza di un presunto video pornografico di Belen e del tentativo del suo ex argentino di venderlo ai media per 500mila euro: la stessa cifra che secondo quanto denunciato lui avrebbe tentato di estorcere alla ex. Nel blog Lucarelli sosteneva che tale «gentiluomo argentino» avrebbe provato «a vendere il video (alla modesta cifra di 500mila euro) a vari giornali di gossip, utilizzando come tramite una ragazza che lavora in una nota agenzia di spettacolo», ma che tutti avrebbero rifiutato il materiale, ritenendolo non pubblicabile perché girato in un’abitazione privata. Il pubblico ministero Luigi Luzi, titolare del fascicolo aperto in seguito alla denuncia, ha delegato alla squadra mobile il compito di raccogliere la testimonianza della modella argentina, anche per appurare se abbia mai versato soldi all’ex fidanzato. La showgirl deve essere ancora sentita. Il presunto video, invece, non essendo stato allegato alla denuncia, non è ancora stato acquisito agli atti dell’inchiesta.

CORRIERE.IT

Written by: admin

Rate it

Previous post


0%