play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    AmicaFm The Way Of Your Life!

News

FIORENTINA PALERMO 2-3 AMAURI ABBATTE I VIOLA!!

today30/10/2006 159

Background
share close

FIRENZE – Trascinato da un Amauri implacabile (due gol, un palo e un assist) che ha stravinto il duello con Toni, il Palermo si conferma squadra da trasferta e da vertice: dopo San Siro espugna anche Firenze (3-2) al termine di una sfida tiratissima, conquista così la quarta vittoria esterna in campionato e resta incollata all’Inter in testa alla classifica. Grande la gioia dei tanti tifosi siciliani e grandissima quella di Francesco Guidolin che alla fine è esploso beccandosi le critiche di Prandelli e i fischi del popolo viola.

Anche perché il suo Palermo è sì squadra bella e capace ma pure baciata in questo momento dalla fortuna: la Fiorentina, per l’arrembante ripresa, i due legni colpiti e le tante occasioni-gol create (assai di più di quelle avversarie ma sfruttate peggio o neutralizzate dal sempre attento Fontana) avrebbe meritato almeno il pari. Inoltre al 26′ del secondo tempo Biava, fra i migliori, già ammonito precedentemente avrebbe meritato il secondo giallo per una brutta entrata su Mutu al limite dell’area: Messina ha fischiato il fallo ma non ha punito chi l’ha commesso.

L’avesse fatto il Palermo sarebbe rimasto in dieci in un momento della partita che vedeva la Fiorentina più in palla, sul punto di colpire gli avversari che parevano stanchi e quasi appagati. Non a caso Prandelli, osando stavolta forse un pò troppo, ha inserito un altro attaccante, Reginaldo per Jorgensen alla mezz’ora: la sua squadra aveva colpito palo con Montolivo (su cui poi si è suoerata Fontana) e traversa su punizione con Mutu (deviazione di Biava), il 2-1 insomma sembrava nell’aria.

Invece a passare è stato di nuovo il Palermo: al 35′ Amauri ha spedito in gol di testa un assist di Zaccardo su ennesimo svarione. Allora Prandelli ha osato ancora di più inserendo anche Pazzini (al debutto dopo il lungo infortunio) al posto di Liverani. Scelta coraggiosa ripagata al 43′ dal 2-2 firmato da Mutu (quarto sigillo stagionale) dopo un’azione ubriacante di Montolivo, ma vanificata dall’affondo fatale al 45′ di Amauri che ha superato due avversari per poi trafiggere Frey.

Già nel primo tempo il brasiliano, unica punta sostenuta da Bresciano e Di Michele, aveva fatto capire di essere in vena, forse stimolato dal duello con Toni: proprio da una sua azione era partito al 9′ l’assist per Di Michele per il primo vantaggio siciliano.

La Fiorentina ci ha messo un po’ per riprendersi e rilanciarsi, quando ha cominciato a farlo non è però riuscita a concretizzare i suoi sforzi per la scarsa vena di un Toni sofferente al piede ma anche stavolta particolarmente impreciso e troppo frenetico, tanto da aver fallito, nei 90′, almeno cinque nitide palle-gol.

Così l’1-1 è arrivato al 33′ per merito di Mutu (pericoloso poco prima con un bolide da 25 metri) che ha innescato Pasqual dal cui tiro è nata l’autorete di Barzagli, fiorentino di Fiesole. Prima dell’intervallo Fontana di piede ha parato su Kroldrup e Frey ha fermato di Michele mentre sulla respinta Amauri ha colpito il palo (43′).

Ripresa per lo più di marca viola con salvataggi miracolosi, paratone, pali. La Fiorentina ha cercato in tutti i modi di regalarsi e regalare ai propri tifosi la quinta vittoria di fila anche per consolarsi della delusione del responso dell’ Arbitrato, ma alla fine ha dovuto arrendersi ad Amauri che gli ha inflitto, di potenza e di classe, il secondo ko interno della stagione dopo quello iniziale con l’Inter, guarda caso l’altra attuale capolista insieme a questo Palermo che ormai non è più una sorpresa.

FIORENTINA-PALERMO 2-3 (1-1)
FIORENTINA (4-1-2-2-1): Frey 5, Ujfalusi 6, Dainelli 4.5, Kroldrup 5, Pasqual 6.5, Liverani 6.5 (37′ st Pazzini sv), Montolivo 6.5, Donadel 6, Jorgensen 6 (30′ st Reginaldo 5.5), Mutu 6.5, Toni 5 (14 Lobont, 6 Potenza, 5 Gamberini, 8 Pazienza, 19 Gobbi). Allenatore: Prandelli 5.5.
PALERMO (4-3-2-1): Fontana 7.5, Zaccardo 6.5, Biava 7, Barzagli 6, Pisano 6, Diana 6 (36′ st Cassani sv), Corini 6, Simplicio 6, Bresciano 6 (46′ st Tedesco sv), Di Michele 6.5 (14′ st Guana 6), Amauri 8 (20 Sirigu, 4 Tedesco, 10 Caracciolo, 15 Della Fiore, 90 Brienza). Allenatore: Guidolin 6.5.
Arbitro: Messina di Bergamo 5.
Reti: nel pt 9′ Di Michele, 33′ Barzagli (autogol); nel st 35′ e 45′ Amauri, 43′ Mutu.
Note: angoli 3 a 2 per la Fiorentina. Recupero: 0 e 4′. Ammoniti: Bresciano, Biava, Liverani, Corini, Cassani per gioco falloso. Spettatori: 34.050, incasso 702.353 euro (paganti 10.150, incasso 238.388; abbonati 23.900, quota 463.965).

DALASICILIA.IT

Written by: admin

Rate it

Previous post


0%