play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    AmicaFm The Way Of Your Life!

Featured

Spazio Ecco le prime straordinarie foto del telescopio spaziale Euclid

today09/11/2023 6

Background
share close

Il telescopio spaziale Euclid ci invia le sue prime cartoline dall’Universo: mai prima d’ora un telescopio aveva creato immagini astronomiche così nitide su una zona così ampia di cielo.

 

Questa istantanea di Euclid è una rivoluzione per l’astronomia. L’immagine mostra 1.000 galassie appartenenti all’ammasso di Perseo e più di 100.000 galassie più lontane sullo sfondo. Molte di queste deboli galassie non erano mai state viste prima. Alcuni di loro sono così distanti che la loro luce ha impiegato 10 miliardi di anni per raggiungerci. Mappando la distribuzione e la forma di queste galassie, i cosmologi saranno in grado di scoprire di più su come la materia oscura ha modellato l’Universo che vediamo oggi. Perseo è una delle strutture più massicce conosciute nell’Universo, situata a “soli” 240 milioni di anni luce dalla Terra. Gli astronomi hanno dimostrato che gli ammassi di galassie come Perseo possono essersi formati solo se nell’Universo è presente materia oscura. Euclide osserverà numerosi ammassi di galassie come Perseo attraverso il tempo cosmico, rivelando l’elemento “oscuro” che li tiene insieme. ESA/Euclid/Euclid Consortium/Nasa

La missione spaziale Euclid dell’ESA ha rilasciato le prime immagini a colori del cosmo. Mai prima d’ora un telescopio era stato in grado di creare immagini astronomiche così nitide su una zona così ampia di cielo e di guardare così lontano nell’Universo. Le immagini che seguono mostrano tutto il potenziale di Euclid che è quello di creare la più estesa mappa 3D dell’Universo mai realizzata, per scoprire alcuni dei suoi segreti nascosti.

IL COMPITO DI EUCLID. Euclid ha un compito difficile: indagare su come la materia oscura e l’energia oscura abbiano dato al nostro Universo l’aspetto che possiede oggi. Il 95% del nostro cosmo sembra essere costituito da queste due misteriose entità “oscure”. Ma non capiamo cosa siano perché la loro presenza provoca solo cambiamenti molto sottili nell’aspetto e nei movimenti degli oggetti che possiamo vedere.

Nel corso della sua vita, Euclid riprenderà miliardi di galassie, rivelando l’influenza invisibile che la materia oscura e l’energia oscura hanno su di loro. Ecco perché è giusto che una delle prime galassie osservate da Euclid sia soprannominata la “Galassia Nascosta”, conosciuta anche come IC 342 o Caldwell 5. Grazie alla sua visione a infrarossi, Euclid ha già scoperto informazioni cruciali sulle stelle di questa galassia, che è un sosia della nostra Via Lattea. © ESA/Euclid/Euclid Consortium/Nasa

Per rivelare l’influenza “oscura” sull’Universo visibile, nei prossimi sei anni Euclide osserverà le forme, le distanze e i movimenti di miliardi di galassie fino a 10 miliardi di anni luce. In questo modo, creerà la più grande mappa cosmica 3D mai realizzata. Ciò che rende speciale la visione del cosmo di Euclide è la sua capacità di creare un’immagine visibile e infrarossa straordinariamente nitida su un’enorme porzione del cielo con un solo sgurado.

CHE NITIDEZZA! Le immagini mostrano appieno questa speciale capacità: dalle stelle luminose alle galassie deboli, le immagini mostrano la totalità di questi oggetti celesti, rimanendo estremamente nitide, anche quando si zooma su galassie lontane. «La materia oscura unisce le galassie e le fa ruotare più rapidamente di quanto la sola materia visibile possa spiegare; l’energia oscura sta guidando l’espansione accelerata dell’Universo».

Per creare una mappa 3D dell’Universo, Euclid osserverà la luce proveniente dalle galassie fino a 10 miliardi di anni luce. La maggior parte delle galassie nell’Universo primordiale non assomiglia alla tipica spirale ordinata, ma sono irregolari e piccole. Sono gli elementi costitutivi delle galassie più grandi come la nostra, e possiamo ancora trovare alcune di queste galassie relativamente vicine a noi. La prima galassia nana irregolare osservata da Euclide si chiama NGC 6822 e si trova nelle vicinanze, a soli 1,6 milioni di anni luce dalla Terra. © ESA/Euclid/Euclid Consortium/Nasa

Euclid consentirà per la prima volta ai cosmologi di studiare insieme questi misteri oscuri. Spiega la direttrice scientifica dell’ESA, Carole Mundell: «Euclid farà un salto nella nostra comprensione del cosmo nel suo insieme, e queste splendide immagini di Euclid mostrano che la missione è pronta per aiutare a rispondere ad uno dei più grandi misteri della fisica moderna».

E ADESSO? Continua René Laureijs, scienziato del progetto Euclid dell’ESA: «Non abbiamo mai visto immagini astronomiche come questa prima, contenenti così tanti dettagli. Sono ancora più belli e nitidi di quanto avremmo potuto sperare, mostrandoci molte caratteristiche mai viste prima in aree ben note del vicino Universo».

Ora siamo dunque pronti per osservare miliardi di galassie e studiare la loro evoluzione nel tempo cosmico. «Gli strumenti di bordo di questo telescopio stanno dando i loro frutti: la quantità di dettagli in queste immagini è tutto grazie ad uno speciale design ottico, alla perfetta produzione e assemblaggio del telescopio con strumenti per il puntamento e controllo della temperatura estremamente accurati», aggiunge Giuseppe Racca, responsabile del progetto Euclid dell’ESA.

Questa scintillante immagine mostra un ammasso globulare chiamato NGC 6397. Questo è il secondo ammasso globulare più vicino alla Terra, situato a circa 7800 anni luce di distanza. Gli ammassi globulari sono raccolte di centinaia di migliaia di stelle tenute insieme dalla gravità. Attualmente nessun altro telescopio oltre a Euclid può osservare un intero ammasso globulare in una sola osservazione, e allo stesso tempo distinguere così tante stelle nell’ammasso. Queste deboli stelle ci raccontano la storia della Via Lattea e dove si trova la materia oscura. © ESA/Euclid/Euclid Consortium/Nasa

Euclid è stato lanciato al punto 2 di Lagrange Sole-Terra su un razzo SpaceX Falcon 9 dalla stazione spaziale di Cape Canaveral in Florida, USA, alle 17:12 italiane del 1° luglio 2023. Nei mesi successivi al lancio, scienziati e ingegneri sono stati impegnati in un’intensa fase di test e calibrazione degli strumenti scientifici di Euclid.

Il team sta eseguendo l’ultima messa a punto del veicolo spaziale prima che le osservazioni scientifiche di routine inizino all’inizio del 2024. Nel corso di sei anni, Euclid osserverà un terzo del cielo con una precisione e una sensibilità senza precedenti. ​

 

Fonte: Focus.it

 

GCQT Places Error: the selected post type doesn't exists or is not active in the plugin settings.QT Places Error: the selected post type doesn't exists or is not active in the plugin settings.

Written by: Giuseppe Cancelliere

Rate it

Previous post

Featured

La tempesta Domingos verso l’Italia: giovedì 9 novembre allerta in 4 Regioni, una è arancione

La tempesta Domingos si dirige verso l'Italia e a partire da domani è previsto un nuovo peggioramento delle condizioni atmosferiche. La Protezione civile ha diramato un'allerta in 4 Regioni. Ecco le previsioni. Piogge e temporali interessano le Regioni del Sud Italia risultando localmente anche intensi specie su Basilicata e Puglia. Condizioni meteo in miglioramento sul resto d'Italia ma non per molto. Una nuova perturbazione si sta infatti già avvicinando al Mediterraneo e nella seconda parte di […]

today08/11/2023 1


0%