play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    AmicaFm The Way Of Your Life!

Featured

Attentati a diplomatici italiani a Berlino e Barcellona: «Rafforzata la sicurezza». Meloni: «Seguiamo con preoccupazione»

today28/01/2023 2

Background
share close

Ma che cosa sta succedendo ?

Due attacchi hanno colpito, ieri, i rappresentanti diplomatici italiani, a Barcellona e Berlino. È quanto riferisce un comunicato della Farnesina. «Ignoti hanno infranto la vetrata del palazzo dove è ubicato il consolato generale a Barcellona, imbrattando una parete dell’ingresso dell’edificio». E sempre ieri, a Berlino, «è stata anche incendiata l’auto con targa diplomatica di un funzionario diplomatico in servizio all’ambasciata d’Italia». Le locali forze di polizia «hanno effettuato i necessari rilievi scientifici ed investigativi. In ambedue i casi, fortunatamente, non si registrano danni a persone», riferisce ancora la Farnesina. Il ministro degli Esteri Antonio Tajani « ha personalmente e immediatamente contattato l’ambasciata a Berlino e il consolato a Barcellona per esprimere la propria solidarietà e ha chiesto che venga fatta al più presto piena luce sulle dinamiche di questi atti criminosi». Il ministero ha poi disposto «l’avvio immediato delle procedure per la verifica e il rafforzamento delle sedi diplomatiche e del personale impegnato».

La premier Giorgia Meloni ha fatto pervenire «la sua solidarietà e quella del governo italiano al Primo consigliere dell’ambasciata d’Italia a Berlino, Luigi Estero, per l’attentato che ha provocato l’incendio della sua automobile.

Bruciata l’auto di Luigi Estero, primo consigliere dell’ambasciata a Berlino. A Barcellona distrutta una vetrata e imbrattato la parete del consolato. La solidarietà della premier Meloni.

Fonte: CorrieredellaSera

GC

Written by: Giuseppe Cancelliere

Rate it

Previous post

Featured

Giorno della Memoria: la Germania ricorda le vittime

Nel giorno in cui si ricordano le vittime dell'Olocausto si sommano i messaggi delle figure istituzionali italiane, a partire dai membri del governo. La premier Giorgia Meloni, nel suo messaggio, auspica che la memoria non diventi un "mero esercizio di stile". In Germania, per la prima volta, il parlamento onora le vittime della persecuzione nazista a causa della loro identità di genere o orientamento sessuale. Polemiche per l'esclusione della Russia […]

today27/01/2023 7


0%