play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    AmicaFm The Way Of Your Life!

News

A Lampedusa la Jolie e il commissario Onu per i rifugiati

today19/06/2011 1

Background
share close

L’Alto commissario Onu per i rifugiati, Antonio Guterres, è giunto stamane a Lampedusa per visitare i centri di accoglienza, incontrando le autorità locali e gli operatori delle forze dell’ordine. Guterres parteciperà nel pomeriggio a una cerimonia al monumento della Porta d’Europa per ricordare coloro che sono morti nel tentativo di raggiungere l’Europa. “Domani è la giornata mondiale dei rifugiati, che celebrerò insieme al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano a Roma – ha detto Guterres – Ma oggi sono qui per ringraziare in particolare la Guardia di Finanza e la Guardia costiera per il loro lavoro di assistenza in mare: hanno saputo essere molto sensibili alla definizione di nave in difficoltà. E dire grazie ai lampedusani, per la loro accoglienza in una situazione complessa”.
Guterres, ricordando che le 18.000 persone fuggite dalla Libia verso l’Italia sono quasi tutte giunte sull’isola, ha sottolineato che il messaggio dell’Unhcr in tempi di migrazioni particolarmente intense è: “Mantenete i confini aperti”.

“E’ un onore essere qui in questa bellissima isola. E’ la prima volta che vengo e spero di tornare. Voi non immaginate quel che avete rappresentato quest’anno per tutte quelle persone che cercano aiuto disperatamente”: lo ha detto parlando alla Porta di Europa di Lampedusa l’attrice americana e ambasciatrice dell’Onu, Angelina Jolie, intervenendo sull’isola a una cerimonia in ricordo dei migranti morti in mare, insieme all’Alto commissario dell’Onu per i Rifugiati, Antonio Guterres. “E’ difficile pensare quante persone hanno rischiato e perso la vita loro e dei loro bambini guardando questo bellissimo mare – ha affermato Jolie – vedo qui famiglie e penso come la vita di queste persone deve essere stata orribile per decidere di andare in mare su quelle carrette, con il rischio di morire di fame o di annegare. E pensate cosa vuol dire per quelle persone trovare voi che li avete accolti. E’ un onore essere qui”

GDS.IT

Written by: admin

Rate it

Previous post


0%