play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    AmicaFm The Way Of Your Life!

News

Crolla Favara, salvo il fratello

today23/01/2010 1

Background
share close

FAVARA – Un edificio del centro storico di Favara, grosso centro a pochi chilometri di Agrigento, è crollato stamattina all’alba. Il bilancio è pesantissimo: sono morte due sorelline, Marianna e Chiara Pia Bellavia rispettivamente di 11 e 4 anni. Si è salvato invece un altro fratellino, Giovanni di 12 anni che è stato localizzato grazie ad un cellulare e che è stato trasportato di urgenza all’osepdale San Giovanni di Dio di Agrigento in condizioni gravi anche se nonsarebbe in pericolo di vita. Pressoché illesi i genitori, Giuseppe Bellavia che nonostante le ferite è rimasto in piazza del Carmine davanti le macerie della sua casa e Giuseppina Bello che invece è stata trasportata d’urgenza al San Giovanni di Di di Agrigento. I soccorritori hanno scavato per ore nella speranze di estrarre in vita le due bambine ma purtroppo non c’è stato nulla da fare.

L’allarme è cattato poco dopo le 7 di stamane quando la casa fatiscente della famiglie Bellavia si è letteralmente sbriciolata. Non sono ancora chiare le ragioni del crollo. I primi soccorritori hanno raccontato di avere sentito un forte odore di gas ma – secondo i vigili del fuoco – potrebbe anche essere stato causato dalla rottura delle condotte a causa del crollo. La Procura della Repubblica, con il sostituto procuratore Lucia Brescia coordinata dal procuratore aggiunto Ignazio Fonzo, ha aperto un’inchiesta. Si ipotizza il reato di disastro colposo. La famiglia Bellavia abitava in piazza Carmine, nel centro storico di Favara, in un edificio piuttosto fatiscente. Secondo quanto si è appreso dal racconto dei familiari giunti sul posto avevano da tempo chiesto senza successo un alloggio popolare. Sul posto vi sono i vigili del fuoco e i carabinieri della Compagnia di Agrigento e della Tenenza di Favara. (23 gennaio 2010)
REPUBBLICA.IT

Written by: admin

Rate it

Previous post


0%