play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    AmicaFm The Way Of Your Life!

News

Berlusconi: “Presto fuori dalle tende”

today13/04/2009 1

Background
share close

L’AQUILA
«Riusciremo a portarvi fuori dalle tende il più presto possibile». Così il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, si rivolge a una donna che lo saluta al suo arrivo alla Scuola Guardia di Finanza a Coppito, dove assisterà alla Messa pasquale. Berlusconi, che è accompagnato dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Gianni Letta, ha poi voluto salutare i militari della Finanza e dei Carabinieri, ringraziandoli per il loro impegno nel fronteggiare l’emergenza terremoto. «Ragazzi – ha detto a un gruppo di finanzieri – complimenti di cuore, l’Italia vi è grata».

«Siamo sicuri che manterrà » gli impegni presi con i cittadini abruzzesi e «noi, oggi preghiamo per questo». Così il vescovo de L’Aquila, Giuseppe Molinari, si è rivolto al presidente del Consiglio, , durante la Messa di Pasqua celebrata nel piazzale della caserma della Guardia di Finanza diventata il centro del coordinamento dei soccorsi dopo il terremoto. Al premier che, in prima fila, con un giaccone della Protezione civile, ascoltava attento, il vescovo ha detto: «Abbiamo sentito più volte il suo impegno per la ricostruzione. So che è un impegno sincero preso davanti a tutta la città, l’Italia e il mondo. E siamo sicuri che lo manterrà ».

Per la ricostruzione de L’Aquila, che sarà affidata alla province, «ci saranno tempi rapidi, precisi e certi». È la promessa del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, che ha parlato con i giornalisti dopo la messa di Pasqua che è stata celebrata nel cortile della scuola della Finanza, a Coppito. Il premier ribadisce anche che per i beni artistici è stata registrata «una grande disponibilità a concorrere alla loro ricostruzione da parte dei paesi amici». E sull’emergenza aggiunge: «Stiamo uscendo o, anzi, siamo forse già usciti dalla fase di emergenza». Il premier ha poi sottolineato «la straordinaria gara di solidarietà» che si è aperta nella regione ricordando che al momento sono assistite 55 mila persone.

La terra tremna ancora e le scosse continuano a fare paura. Ma il premier ha rassicurato gli aquilani:«Siamo davanti ad una decrescita del numero delle scosse che fa pensare positivamente». «Dal 6 aprile abbiamo registrato un numero rilevante di scosse che però negli ultimi giorni è diminuito e, pur se le previsioni sono impossibili da fare su base scientifica, anche gli esperti dicono che questa diminuzione fa ben sperare».

Fini in visita in Abruzzo ha voluto ringraziare tutti i volontari. Molte le manifestazioni di gratitudine durante la visita del presidente della Camera all’ospedale. «Grazie di essere venuto. Qui i pezzi grossi ancora non si erano visti», gli ha detto una signora. E da un’anziana una richiesta: «Mi raccomando presidente: per noi vecchi che stiamo male fate una casetta di legno…». Una donna che accudisce una malata, non sa trattenere un auspicio. «Ci auguriamo – dice rivolta a Fini – che almeno questa volta tutti gli aiuti stanziati arrivino davvero qui».LASTAMPA.IT

Written by: admin

Rate it

Previous post


0%