play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    AmicaFm The Way Of Your Life!

News

Parte il tour di Vasco Rossi

today24/05/2008 11

Background
share close

Da un palco rutilante effetto optical anni Sessanta alla darsena della Fiera di Genova Vasco Rossi ha cominciato a suonare il suo inconfondibile rock stregando oltre 15mila fan. E’ il live numero zero del tour estivo “Vasco.08 Live in concert” del cantautore, la cui prima sarà il 29 maggio allo stadio Olimpico di Roma (con replica il 30) per poi proseguire a Milano (San Siro), Ancona e Salerno. Mezzo milione in totale gli spettatori previsti.

I quindicimila biglietti della tappa di Genova sono stati venduti in un battibaleno. Sin dalle prime ore del pomeriggio i fan genovesi si sono accalcati sotto il palco che vede il mare piazzato accanto agli yacht del porto turistico a poche bracciate dalla Foce. Vasco apre il suo show con “Qui si fa la storia” dall’ultimo album e poi inanella canzoni dal suo repertorio più recente che tanti fra il pubblico conoscono già a memoria e cantano all’unisono.

La voce di Vasco emerge a ruggiti e quasi scompare se non fosse per le sue ‘apparizioni’ su due megaschermi piazzati ai lati del palco e a un’altezza che sembra intersecare la rotta di atterraggio degli aerei al Cristoforo Colombo. Su queste due colonne appaiono immagini suggestive come silouhette femminili, gambe e calzature di donna. La parte centrale del palco è rivestita di grandi specchi convessi che riflettono i colori e le luci sparate da una megatorre.

Quando grida “Ciao Sanremo, ciao Liguria, ciao Genova” e il sole è quasi tramontato la folla va in visibilio. Poi parte con l’ondata di “Vieni qui” del nuovo album “Il mondo che vorrei” che è già al primo posto nella hit parade italiana.

Il concerto è rigorosamente rock, molto duro, maschio, tosto e molto lungo. “Il filo conduttore è il disincanto, perché il mio rock è disperato e ho preso atto che il mondo fa schifo – aveva spiegato durante la presentazione del tour – però anche la disperazione nella musica si tramuta in gioia e io la porto in giro volentieri”. Gioia in antitesi alle esigenze del potere aveva aggiunto il cantante, citando Spinoza: “Scriveva che chi detiene il potere ha bisogno che la gente, che le persone siano affette da un po’ di tristezza. E allora noi cerchiamo di portare in giro un po’ di gioia”.

Questo il calendario completo del tour: 29 maggio e il 30 maggio Roma (Stadio Olimpico), 6 e il 7 giugno Milano (Stadio San Siro), 14 e 15 giugno Ancona (Stadio del Conero), 21 giugno Venezia (Heineken Jammin’ Festival), 27 e il 28 giugno Salerno (Stadio Arechi) e il 4 luglio Messina (Stadio San Filippo) e il 9 luglio a Locarno.
TGCOM.IT

Written by: admin

Rate it

Previous post


0%