play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    AmicaFm The Way Of Your Life!

News

“BORSELLINO E’ ANCORA VIVO”!

today19/07/2007

Background
share close

PALERMO – La giornata della memoria è cominciata con i bimbi delle elementari che fanno il gioco dell’oca della legalità in via Mariano D’Amelio davanti al cippo con l’ulivo che ricorda il procuratore aggiunto Paolo Borsellino, e gli agenti della polizia di Stato che gli facevano da scorta Emanuela Loi, Agostino Catalano, Walter Cusina, Claudio Traina e Vincenzo Limuli, massacrati nella strage del 19 luglio 1992 e di cui quest’anno ricorre il quindicesimo anniversario.

Ma almeno finora la città normale, quella degli impiegati, dei commercianti e dei lavoratori, non ha testimoniato il ricordo per il giudice assassinato col tritolo. Non c’erano persone affacciate ai balconi, né lenzuoli appesi come un tempo quando a Palermo la gente esponeva teli bianchi con scritte antimafia.

Sul cippo che ricorda la strage vi sono solo le corone d’alloro ufficiali, mancano i mazzi di fiori che fino ad alcuni anni fa portavano le persone lasciando un biglietto con una frase di speranza per il futuro. Una corona l’ha portata il presidente del Senato Franco Marini che dice: “Provo una grande emozione a Palermo dove sono venuto a ricordare Paolo Borsellino e gli agenti della scorta uccisi in via D’Amelio 15 anni fa”. Poi Marini è andato nell’aula magna del palazzo di Giustizia di Palermo dove politici, tra cui il sindaco di Roma Walter Veltroni, e magistrati commemorano le vittime.

Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha inviato un messaggio alla vedova di Borsellino, Agnese, scrivendo tra l’altro: “Trascorsi ormai quindici anni dal tragico attentato che costò la vita a Paolo Borsellino e agli agenti della sua scorta Catalano, Cosina, Loi, Li Muli e Traina, restano più che mai vivi nella mia memoria e in quella di tutti gli italiani il dolore e lo sgomento per un così terribile evento”.

E intanto mentre la Palermo ufficiale ricorda il magistrato e gli agenti della polizia di Stato, il giudice per le indagini preliminari di Caltanissetta, Ottavio Sferlazza, ha respinto la richiesta di archiviazione dell’ inchiesta sul furto dell'”agenda rossa” di Borsellino, scomparsa dalla borsa del magistrato dopo la strage. Quell’agenda che, dice la sorella del giudice, Rita Borsellino, “se ritrovata potrebbe aiutare a ricostruire tante cose”.
LASICILIA.IT

Written by: admin

Rate it

Previous post


0%