play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    AmicaFm The Way Of Your Life!

Featured

Addio al dissidente di Putin Aleksej Naval’nyj

today17/02/2024 20

Background
share close

Navalny, gli ultimi giorni e la morte in Siberia. Addio al primo nemico di Vladimir Putin.

Aleksei Navalny è morto ieri durante l’ora d’aria nel carcere di Kharp, nella Siberia del Nord, probabilmente per un ictus provocato da un’embolia arteriosa. Questo almeno secondo le notizie ufficiali che filtrano dalla colonia penale IK-3 (conosciuta da tutti come «Lupo polare») dove il blogger che era diventato il principale oppositore di Putin era arrivato a Natale.

Ma i suoi collaboratori, i familiari e buona parte dell’opinione pubblica internazionale hanno pochi dubbi. Qualcuno pensa addirittura che sia stato assassinato mentre la maggior parte ritiene che comunque Navalny sia deceduto per tutto quello che gli è stato fatto. Prima l’avvelenamento col Novichok, una sostanza nervina; poi il carcere con privazioni che a noi appaiono inimmaginabili. Condannato a 19 anni (ma sul suo capo pendevano altre accuse), era finito dentro nel gennaio del 2021. In totale aveva passato ben 300 giorni in cella d’isolamento per quelle che i suoi denunciano come mancanze ridicole o accuse pretestuose. «Il detenuto non aveva allacciato l’ultimo bottone della giubba», 15 giorni in isolamento. «Navalny ha insultato il tenente Nejmovich chiamandolo così anziché usare il nome e il patronimico», 15 giorni. «Il prigioniero ha pulito male il cortile», 15 giorni. In queste celle speciali il letto viene alzato e bloccato contro il muro al mattino e per tutto il giorno i reclusi non possono stare né sdraiati né seduti. Il cibo fornito era «pessimo e scarso», ha raccontato la sua portavoce Kira Yarmysh.

Da un anno e mezzo non gli era stato consentito di incontrare o parlare per telefono con la moglie e i due figli. I tre avvocati, che incontrava con una certa regolarità, sono stati a loro volta accusati di estremismo. Due sono in galera e uno è fuggito all’estero.

Fonte: corriere.it

 

GC

Written by: Giuseppe Cancelliere

Rate it

Previous post

Featured

Da Radio Amica FM buon San Valentino a tutti

Mazzi di fiori, dolcetti, cene. Ma soprattutto auguri: nel mondo anglosassone ancora oggi si parla di «valentine» per fare riferimento ai biglietti d'amore che si scambiano le coppie di amanti a San Valentino. scambiano le coppie di amanti. Il merito sarebbe della poesia scritta da Carlo duca di Orleans nel 1415 - mentre era prigioniero nella torre di Londra dopo la sconfitta dei francesi nella battaglia di Azincurt – la cui destinataria […]

today14/02/2024 19 1


0%