play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    AmicaFm The Way Of Your Life!

Featured

Benzina, gestori convocati al ministero: Faib riduce lo sciopero a 24 ore

today24/01/2023 1

Background
share close

La presidenza nazionale Faib Confesercenti, riunita d’urgenza, a seguito dell’incontro con il ministro delle Imprese e del made in Italy, Adolfo Urso, che ha convocato i gestori dei carburanti, a 4 ore dall’inizio dello sciopero della categoria, ha valutato positivamente le proposte presentate dal governo e già formalizzate con un emendamento al decreto legge. Ha deciso, quindi, di ridurre lo stop da 48 a 24 ore (dalle 19 di martedì 24 gennaio alle 19 di mercoledì 25), mentre le altre sigle, Fegica e Figisc-Anisa, hanno diffuso una nota confermando lo sciopero e comunicando di aver apprezzato il tentativo in extremis del ministro ma di non ritenerlo sufficiente a intervenire con la necessaria concretezza.

«L’annuncio dell’avvio del tavolo volto a ristrutturare la rete distributiva e ridare un piano regolatoria certo va nella direzione giusta e auspicata – si legge -. Ma le modifiche ipotizzare sul decreto, oltre a non essere sufficienti, sono ormai nelle mani del Parlamento. Quel che rimane sullo sfondo, sconti o non sconti sulle multe, cartelli o non cartelli da esporre, è l’idea di una categoria di lavoratori che speculano sui prezzi dei carburanti. Il che è falso e inaccettabile. Lo sciopero è quindi confermato. Così come rimane confermata l’intenzione della categoria di dare tutto il proprio contributo al processo di riforma, per ora solo annunciato. Domani alle ore 11.00 è in programma una assemblea dei gruppi dirigenti delle organizzazioni di categoria, presso la sala Capranichetta di Piazza Montecitorio, aperta a deputati e senatori di tutti i gruppi parlamentari».

Fonte: corriere.it

GC

Written by: Giuseppe Cancelliere

Rate it

Previous post

Featured

Maltempo: allerta meteo su 7 regioni compresa Emilia-Romagna

La perturbazione che sta interessando l’Italia continuerà nelle prossime ore ad apportare condizioni di spiccato maltempo con precipitazioni, anche a carattere nevoso a bassa quota sul Centro-Nord e ventilazione sostenuta nord-orientale sulle aree adriatiche centro-settentrionali. La protezione civile ha emesso l'allerta arancione su settori di Emilia-Romagna e Marche e gialla su altre cinque Regioni. Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della protezione civile d’intesa con le Regioni coinvolte – alle […]

today22/01/2023 3


0%