play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    AmicaFm The Way Of Your Life!

News

ARRIVA “Benvenuti al Nord”

today15/01/2012 13

Background
share close

Cast che vince non si cambia. Così oltre agli stessi attori (da Claudio Bisio ad Alessandro Siani) e regista (Luca Miniero), anche la storia resta invariata. Solo che viene declinata geograficamente a Milano. Dal 18 gennaio arriva nelle sale (800 copie distribuite da Medusa) “Benvenuti al Nord”, il sequel del fortunato “Benvenuti al Sud” che vanta 30 milioni di incassi. Con stereotipi e gag, per dire quanto siano diversi e uguali gli italiani.
Il pigro Mattia (Siani) è in crisi con la moglie Maria (Valentina Lodovini) e così, per riconquistarla, si ritrova trasferito a Milano dove raggiunge l’amico Alberto (Bisio), anch’egli in crisi con la moglie Silvia (Angela Finocchiaro) che si sente trascurata dal marito troppo milanesemente lavoratore.

A metterci lo zampino c’è Paolo Rossi, manager delle poste che si ispira a Marchionne, che vuole velocizzare il servizio a tutti i costi e coinvolge ancora di più lo stakanovista Bisio. Fatto sta che la vicinanza del napoletanissimo Siani e del milanesissimo Bisio in una Milano professionale, ma non troppo grigia, creerà una sorta di miracolo.

Ovvero renderà il primo più milanese di quanto si possa immaginare e il secondo un po’ napoletano. “Non penso che questo film deluderà chi ha visto il primo, Enrico Berlinguer avrebbe detto ‘è il rinnovamento nella continuità’ – dice, con ironia, Bisio – è un film che raccoglie un po’ la summa di tutto quello che amo fare, una commedia intelligente, scritta bene e non volgare”.

Quanto al metodo Marchionne, come spiega il regista, “viene contrapposta una Milano del cuore che però dà una opportunità al napoletano Siani”. Rossi, che regalato al film molti momenti divertenti, racconta: “In realtà volevo fare Brunetta, ma mi hanno fatto fare Marchionne. Per prepararmi mi ero fatto la barba, mi ero messo un Rolex al polso e, per ambientarmi, mi sono ritrovato in una manifestazione Fiom e hanno cominciato a guardarmi male. Insomma il travestimento era riuscito”.
TGCOM.IT

Written by: admin

Rate it

Previous post


0%