play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    AmicaFm The Way Of Your Life!

News

Pinilla pensa in grande

today03/07/2011 1

Background
share close

Il Palermo è arrivato a Malles Venosta, dove rimarrà almeno fino al prossimo 21 luglio per il ritiro precampionato. Prima di sostenere il primo allenamento agli ordini del nuovo tecnico, Stefano Pioli, conferenza stampa di Mauricio Pinilla, attaccante cileno costretto a rinunciare alla Coppa America per un infortunio muscolare.

“La mia condizione è in netta ripresa – assicura il giocatore rosanero – sono assolutamente concentrato su questo ritiro e provo grande felicità per essere tornato ad allenarmi con i miei compagni. Sono a completa disposizione del mister: voglio fornire un contributo importante alla squadra in tutte le competizioni, credo molto nel progetto rosanero”.

Pinilla ha una grande fiducia nella società e non nasconde le sue ambizioni. “Ogni anno una squadra come il Palermo deve porre l’asticella degli obiettivi sempre più in alto: sono convinto – dice il cileno – che abbiamo tutte le carte in regola per ottenere grandi risultati in campionato ed in Europa, senza dimenticare la Tim Cup che lo scorso anno ci ha regalato grandi soddisfazioni”.

Rispetto all’anno scorso Mauricio Pinilla inizierà la stagione insieme al resto dei compagni. “L’anno scorso – ha detto l’attaccante – quando sono arrivato ero stato appena operato al ginocchio, quindi ho dovuto saltare parte del ritiro. Quest’anno posso lavorare con la squadra, evitando infortuni e problemi di eventuali ricadute”.

Per la verità un infortunio Pinilla lo ha avuto nella parte finale della stagione. Un problema che gli ha impedito di prendere parte alla Coppa America con il suo Cile. “Mi è dispiaciuto non disputarla – ha detto – perchè tutti i giocatori amano giocare con la loro Nazionale. Io però non posso essere egoista e devo pensare al Palermo. Non davo peso a quello che dicevano in Cile, perchè ero a conoscenza dell’entità del mio infortunio. Abbiamo deciso con lo staff medico del Palermo e successivamente abbiamo chiarito anche con lo staff della Nazionale. Sono contento e pronto per iniziare la nuova stagione. Dove voglio arrivare? Una ventina di gol in totale”.

Il compagno di assist potrebbe non essere più Pastore. “Ovviamente speriamo che sarà con noi anche quest’anno – è stato l’augurio del cileno – ma sappiamo che difficilmente potrà restare con noi. Dovremo adeguarci alla rosa a disposizione. Se parte lui ci sarà qualcun altro che mi farà gli assist. Poi c’è Miccoli. È sempre un piacere stare con lui, dentro e fuori dal campo. È importante e l’ho visto bene, è contento”.

Pinilla evita di parlare di mercato: “Quando non si prendono in considerano le offerte, non se ne deve nemmeno parlare. Ho ancora quattro anni con il Palermo e sono felice di stare qui”. E non è preoccupato neanche dall’arrivo di Amauri. “E’ un amico, un grandissimo giocatore. Pensa che coppia sarebbe con due ‘animali’ com noi lì davanti”.

A proposito della compattezza del gruppo Pinilla ha detto che ci sarà da lavorare. “È difficile compattarlo – ha spiegato – perchè ci sono culture e lingue diverse. Io cerco sempre di cementarlo. Dobbiamo lavorare anche su questo, perchè non è un mistero che il calo dello scorso anno sia stato dettato anche dal fatto che spesso non ci capivamo”.

Un’ultima considerazione Pinilla l’ha fatta anche sulla fascia da capitano che potrebbe cambiare braccio. Da quello di Miccoli a quello di Migliaccio o Balzaretti. “Il nostro capitano ad oggi è Miccoli. Non so come sia stato scelto Fabrizio. Forse per il carisma o il ruolo che ha in squadra”.
LASICILIA.IT

Written by: admin

Rate it

Previous post


0%