play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    AmicaFm The Way Of Your Life!

News

Ancora Zero punti…

today14/03/2011 1

Background
share close

“Pastore? È un potenziale campione, ma gioca sempre nello stesso modo e dovrebbe interpretare i momenti della partita e sapersi modificare. Questo è un limite”. La pensa così il tecnico del Palermo, Serse Cosmi, che dopo la sconfitta incassata sul campo del Genoa bacchetta il talento argentino.

“Credo che oggi se avessimo pareggiato – dice l’allenatore – sicuramente non sarei stato comunque soddisfatto. Ho visto una prestazione assolutamente diversa da quella di Roma con la Lazio. Una gara gestita bene, rischiando pochissimo contro una squadra che ci attaccava con lanci lunghi. Correvamo pericoli solo in alcune situazioni. Abbiamo creato occasioni, anche una clamorosa ma oggi a differenza di una settimana fa non meritavamo questo risultato”.

Cosmi non può fare a meno di parlare degli arbitri. “Su tre gol subiti nella mia gestione due sono i fuorigioco. Confermo le parole di Delio Rossi, il Palermo è una squadra bella perché quando esprime le qualità fa piacere allenarla, purtroppo almeno da quello che ho visto, alcuni giocatori hanno una interpretazione del calcio bello ma personale e invece in questo momento servirebbe altro. Soprattutto quando sei in difficoltà. Poi i risultati fanno tornare a giocare sciolti. Questo credo che sarà il compito più difficile”.

Il Palermo riceverà sabato prossimo la visita del Milan, oggi fermato in casa dal Bari. “In assoluto è una partita semplice da preparare, ti giochi tantissimo in anticipo. C’è anche il valore di una squadra che ha perso Ibrahimovic ma sarà comunque una balla partita. Mi auguro di essere più fortunato, magari faremo noi un gol su fuorigioco…”.

A proposito di gol, il tecnico quasi se la sentiva. “Quando ho visto che era stato riabilitato, conoscendo il valore di Floro Flores, non ero tranquillo. Ma sono solo statistiche. La prestazione è stata in assoluto più che positiva, abbiamo commesso errori ma molto meno di quelli visti a Roma. Abbiamo creato occasioni importanti. Si parla della difesa del Palermo ma anche la maniera di attaccare la porta va migliorata, al di là del valore dei campioni”.

E Pastore? “Sia lui che Ilicic sono stati catapultati in questo campionato e hanno fatto cose straordinarie. Poi inevitabilmente il difficile è confermarsi nel lungo periodo. È un momento di passaggio che inevitabilmente i giocatori devono vivere. Pastore in alcune cose deve dare una interpretazione diversa. La sostanza in un momento di difficoltà diventa una materia da privilegiare. Sono d’accordo sul fatto che non è un peso ma deve togliersi di dosso questa etichetta di giocatore particolarmente bello e diventare più incisivo. Comunque è sempre meglio averlo…”.

I giornalisti lo stuzzicano sul derby della capitale. “L’ha spuntata la Roma? Non me ne frega niente, anche se sapevo che avrebbe vinto. A me interessa la situazione del Palermo, che comincia a farsi difficile: oggi abbiamo dimostrato di volerne uscire e avremmo meritato un risultato diverso, perchè abbiamo giocato meglio del Genoa. Cosa ho detto a Romeo a fine partita? Non posso accusarlo del fuorigioco, purtroppo è stato mal assistito dall’assistente”.

Oltre alla sconfitta, il danno dell’infortunio di Mattia Cassani. C’è una sospetta contrattura al flessore della coscia sinistra. Il difensore ha lasciato il campo al 7′ del primo tempo, al suo posto è entrato Darmian.
13/03/2011

LASICILIA.IT

Written by: admin

Rate it

Previous post


0%