play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    AmicaFm The Way Of Your Life!

News

Tra Palermo e Rizzoli, Vince l’Inter…..

today31/01/2011

Background
share close

WEB TV

Calcio Parlato Tv Magazine Radio Facebook

COSE DA PAZZI(NI): RIZZOLI PUNISCE IL PALERMO
VIDEONEWS
2011-01-30 16:55:49
Incredibile. Il Palermo oggi ha scritto un’altra pagina nel libro della sua ingenuita’. In vantaggio 2-0 a San Siro al termine del primo con il 3-0 clamorosamente fallito, la squadra di Rossi si e’ fatta pareggiare e sorpassare nell’arco di 45, nefasti minuti. La casa dell’Inter resta tabu’: mai il Palermo nella sua storia e’ riuscito a saccheggiarla. E rimane tabu’ anche l’arbitraggio di Rizzoli, con cui i rosa non vincono dal 17 settembre 2006 (2-1 sul campo della Lazio). Il fischietto bolognese ha concesso il primo sacrosanto rigore del campionato al Palermo per un fallo plateale di Thiago Motta su Kasami e poi – quasi a ristabilire la scalogna rosanero con gli arbitri – ne ha decretato uno molto dubbio per contatto tra Munoz e l’hombre del partido Pazzini. Nel primo tempo, inoltre, Rizzoli ha sorvolato su un tocco di braccio volontario in area di Thiago Motta (comunque difficile da vedere) e anche la punizione da cui e’ scaturito il gol del 2-2 e’ piuttosto generosa.

Direzione di gara discutibile a parte – ma ormai in viale del Fante ci sono abituati – la differenza tra l’Inter e il Palermo sta tutta nel peso specifico odierno di Pazzini e Pastore. I nerazzurri hanno una rosa che fa spavento, invece Rossi e’ costretto a fare le nozze coi fischi secchi: il cambio di Miccoli con Kasami la dice lunga. Parlavamo di Pastore: “El Flaco” oggi e’ stato splendido al momento di apparecchiare ed esiziale al momento di mangiare. Sul 2-0, nel recupero del primo tempo ha timbrato il palo a Julio Cesar battuto; sul 2-1, si e’… mangiato il primo rigore concesso al Palermo. E perche’ non ha calciato Miccoli? Perche’ era stato sostituito un paio di minuti prima. Ci siamo capiti: quando la malasorte si prende il palcoscenico c’e’ poco da fare.

Il Palermo ha fatto la sua partita. Nel primo tempo ha contenuto e ha realizzato due bellissimi gol. Al 5′ Ilicic apre a destra, Cassani salta Santon e mette in mezzo per Miccoli che tutto solo da due passi non sbaglia. E’ il terzo gol a San Siro del “Romario del Salento”. Al 36′, su una ribattuta dell’ottimo Julio Cesar, Nocerino dribbla Maicon e realizza con un tiro secco di sinistro. La squadra di Rossi ha lasciato per lunghissimi tratti uno sterile possesso palla ai padroni di casa, che sono arrivati parecchie volte al tiro senza pungere. Rischiando la debacle totale al 39′ quando Bovo non riesce a saltare il portiere dopo un bellissimo corridoio aperto da Pastore in contropiede e poi, come detto, su quel tiro ravvicinato del fantasista argentino.

Oltre a Rizzoli – faccia dietro la lavagna – la differenza, dicevamo, l’hanno fatta i cambi. A inizio ripresa Leonardo ha tolto l’imbarazzante Santon e l’evanescente Coutinho per inserire i nuovi Kharja e Pazzini. Il numero 7 nerazzurro ha ribaltato quasi da solo una gara dove il Palermo era andato molto vicino al concetto di perfezione. Al 57′, il “Pazzo” sfrutta l’appoggio di Munoz e in girata batte Sirigu, che in qualche occasione aveva fatto gli straordinari. Al 73′, e’ imperioso il suo stacco in area che vale il 2-2. Il rigore di tre minuti piu’ tardi e’ figlio della sua astuzia e della perniciosa irruenza dello stesso Munoz, bravissimo in alcuni frangenti e sciocco in altri. Il Palermo avrebbe anche avuto l’occasione di raggiungere un pirotecnico 3-3 in chiusura, ma Maicon e Julio Cesar ribattono non sanno neanche loro come una conclusione a botta sicura di Balzaretti. Alla vigilia Rossi aveva parlato dei “famosi 3 ingredienti”: il Palermo deve fare una grande partita, l’Inter no e l’arbitro deve fare il suo. Una peregrina alchimia delle tre cose oggi ha estratto dal cilindro un 3-2 tanto spettacolare quanto (probabilmente) ingiusto.

INTER-PALERMO 3-2
Inter (4-3-1-2): Julio Cesar 8, Maicon 7, Ranocchia 6, Lucio 6, Santon 4.5 (1′ st Kharja 6), Zanetti 6.5, Cambiasso 7 (35′ st Obi sv), Thiago Motta 6, Coutinho 5 (1′ st Pazzini 8), Milito 6, Eto’o 7.5. (21 Orlandoni, 23 Materazzi, 57 Natalino, 27 Pandev). All.: Leonardo 7.
Palermo (4-3-2-1): Sirigu 7, Cassani 6.5, Munoz 5, Bovo 5.5, Balzaretti 6, Migliaccio 6, Bacinovic 5, Nocerino 6, Ilicic 5, Pastore 5, Miccoli 6.5 (17′ st Kasami 6). (99 Benussi, 66 Andelkovic , 36 Darmian, 13 Nappello, 11 Liverani, 77 Kurtic). All.: Rossi 6.
Arbitro: Rizzoli di Bologna 1.
Reti: nel pt 5′ Miccoli, 36′ Nocerino; nel st 11′ e 28′ Pazzini, 31′ Etòo (R).
Note: Recupero: 1′ e 2′. Angoli: 12-5 per l’Inter. Ammoniti: Bacinovic, Thiago Motta e Munoz per gioco falloso, Sirigu, Etòo e Kharja per comportamento non regolamentare. Spettatori: 40 mila circa. Julio Cesar para un rigore a Pastore al 18′ st.

Written by: admin

Rate it

Previous post


0%