play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    AmicaFm The Way Of Your Life!

News

Inglhilterra derubata e umiliata

today28/06/2010 1

Background
share close

Una goleada. Imprevista e pesante, che gli inglesi non manderanno giù facilmente. Anche perché presa dal nemico storico, la Germania. E perchè, ancora, viene rinfacciata loro, e nel modio più crudele la rete fantasma» di Hurst nella finale del Mondiale del 1966, l’unico vinto (in casa) dai «leoni» inglesi. Questa volta c’è stata goleada per i tedeschi ( nel ’66 finì 4-2 per l’Inghilterra) e c’è stato soprattutto un gol validissimo non visto da arbitro e guardalinee. Un gole che, forse, avrebbe cambiato la partita.

GIOCO ED ERRORI – La sfida degli ottavi fra l’Inghilterra di Capello e i tedeschi si chiude con un un risultato larghissimo a favore della Germania: 4-1, una disfatta. Le speranze che i tifosi inglesi avevano riposto nella loro nazionale ricostruita dal tecnico italiano si sono infrante di fronte a una squadra più giovane, più veloce e più forte della loro. Nonostante i campioni consacrati in campo, da Rooney a Lampard a Gerrard, l’Inghilterra a ha quasi sempre dovuto subire la Germania. Due gol nel primo tempo, due nel secondo e promozione trionfale ai quarti. Il primo tempo, però, è stato spettacolare e combattuto: l’Inghilterra non si è arresa, ha reagito. Sotto di due gol ha segnato al 37′ con Upson e avrebbe meritato il pareggio un minuto dopo quando un gran tiro di Lampard ha colpito la traversa e la palla è rimbalzata all’interno della porta tedesca. Le immagini tv chiarissime hanno indicato che il pallone era abbondantemente oltre la linea. Il «gol fantasma» avrebbe messo la partita su un altro binario. Invece nella ripresa la Germania ha trafitto ancora la difesa inglese con ripartenze e anche sfruttando errori dei difensori inglesi, come il goffo tentativo di parata di James sul 3-1 di Muller, che segna anche poi il 4-1. Fine del sogno inglese di ritrovare un successo Mondiale dopo quello famoso e contestato del gol-non-gol del 1966, proprio contro la Germania in finale. Una punizione storica che colpisce Capello e una squadra alla vigilia indicata tra le semifinaliste.
CAPELLO: «CON QUEL GOL SAREBBE STATA UN’ALTRA PARTITA» – Dopo il fischio finale Capello lo dice subito: «Sarebbe stata un’altra partita». Il ct inglese non ha dubbi nel commentare il clamoroso gol non convalidato a Frank Lampard sul 2-1 per la Germania nonostante il pallone fosse entrato chiaramente. «Dopo abbiamo subito dei contropiede essendo sbilanciati – afferma il ct dell’Inghilterra – ma è sorprendente che a un Mondiale, in un periodo in cui esiste la massima tecnologia, non ci sia nè la moviola nè l’arbitro dietro la porta. E purtroppo – conclude Capello – qualcuno deve sempre pagare».

CORRIERE.IT

Written by: admin

Rate it

Previous post


0%