play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    AmicaFm The Way Of Your Life!

News

Fallimento Francia, passa l’Uruguay di Cavani

today22/06/2010 1

Background
share close

Bafana Bafana fanno festa a metà, la Francia non salva nemmeno l’onore. E alla fine passano Messico e Uruguay. Il girone A, uno dei più aperti di tutto il Mondiale, emette i suoi verdetti definitivi. Il Sudafrica batte 2 a 1 la nazionale transalpina, rendendo ancora più fallimentare e assurda la spedizione della squadra di Domenech. I padroni di casa festeggiano finalmente la prima vittoria davanti al proprio pubblico, ma i tre punti non bastano a superare il turno. Il gol di Malouda al 70′ (con i francesi costretti in dieci dal primo tempo per l’espulsione di Gourcuff) spegne le residue speranze di una qualificazione-miracolo che a un certo punto era sembrata possibile. Nell’altra partita del girone, è sfida vera tra Uruguay e Messico: finisce 1 a 0 per la squadra di Tabarez, che accede agli ottavi come prima ed evita così l’Argentina. Stasera, alle 20.30, tocca invece al girone B: in campo Nigeria-Corea del Sud e Grecia-Argentina.

Tutto pronto anche per i verdetti finali del girone B. L’Argentina, nonostante i due successi, non è ancora sicura della qualificazione. Ci sono comunque pochi dubbi sul fatto che Messi e compagni continuino il cammino in questo Mondiale, anche se contro la Grecia ci sarà il turn-over. Maradona lo ha chiaramente annunciato, ammettendo che nella sfida contro la Grecia (Polokwane, ore 20.30) ci sarà un’eccezione, ovvero Leo Messi; l’ex ‘Pibe de oro’ dice che «sarebbe un peccato non farlo giocare. Per questo ho deciso di schierarlo. Lui è contentissimo e non ha nessuna intenzione di riposare». A Messi manca soltanto il gol e quella contro gli ellenici potrebbe essere l’occasione giusta. Sul fronte opposto, però, i greci credono nel miracolo: la sfida con l’Argentina può valere la qualificazione al turno successivo. «Non abbiamo lo stress enorme di vincere questa partita – afferma il portiere Alexandros Tzorvas – Noi non abbiamo nulla da perdere e tutta la pressione sarà concentrata solo su di loro». Nell’altra sfida si troveranno di fronte Nigeria e Corea del Sud. Nonostante le due sconfitte contro Argentina e Grecia, gli africani sono ancora in corsa. Il ct Lars Lagerback ci crede: «Possiamo battere la Corea del Sud». Non sarà così facile, soprattutto se la squadra di Huh riuscirà a ripetere la prestazione della gara d’esordio contro la Grecia. Gli asiatici hanno dimostrato di poter fare della velocità una loro arma e i valori tecnici non mancano. Il verdetto, in questo caso, è ancora tutto da scrivere.
CORRIERE.IT

Written by: admin

Rate it

Previous post


0%