play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    AmicaFm The Way Of Your Life!

News

Primo Maggio, sindacati a Rosarno

today01/05/2010

Background
share close

E’ un Primo Maggio di un anno a record disoccupazione: secondo l’Istat i senza lavoro sono oltre due milioni, mai così tanti dal 2002. Giovani precari saranno oggi al Quirinale insieme al presidente Napolitano, mentre i leader sindacali sono a Rosarno. A Roma il consueto concerto in piazza san Giovanni. Bersani e i vescovi definiscono l’emergenza lavoro una priorità. Polemiche per l’annunciata apertura di alcuni negozi nonostante la festività.

10.11 – Angeletti: “Intervenire su fisco e costi politica”
E’ arrivato il momento “di cominciare a fare sul serio le riforme”. Lo ha detto il segretario generale della Uil, Luigi Angeletti, sfilando al corteo dei sindacati del Primo Maggio a Rosarno, sottolineando che “ci sono due anomalie: la elevata evasione fiscale e il costo eccessivo della politica. E’ da qui – ha sottolineato Angeletti – che bisogna cominciare a fare le riforme”.

09.42 Epifani: “Piano straordinario per lavoro”
Un piano straordinario per il lavoro: lo chiede il segretario generale della Cgil, Guglielmo Epifani, secondo il quale nei prossimi anni si prospetta una ripresa “senza occupazione”. Da qui la necessità di “politiche che sostengano lo sviluppo e la ripresa e soprattutto un Piano per il lavoro”.

09.29 – Bonanni: “Italia ferma senza immigrati”
Il leader della Cisl, Raffaele Bonanni, alla testa del corteo di Rosarno, dove si svolge la manifestazione nazionale di Cgil, Cisl e Uil per il Primo maggio, parla della situazione di lavoro e immigrazione: “Se dovessimo dividerci dai tanti amici immigrati, l’Italia si fermerebbe”. “L’Italia è più forte se riesce a far vivere l’integrazione come fatto positivo: una energia importante per uscire dalla crisi”, ha aggiunto il leader della Cisl.

TGCOM.IT

Written by: admin

Rate it

Previous post


0%