play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    AmicaFm The Way Of Your Life!

News

IL PALERMO BATTE IL NAPOLI 2-1! GRANDE TEDESCO

today11/11/2007

Background
share close

PALERMO – Dopo un mese e mezzo esatto, il Palermo interrompe il proprio digiuno di vittorie e riconquista tre punti. I rosanero, che hanno confermato i progressi sul piano caratteriale già messi in mostra domenica scorsa a Genova, hanno superato di slancio il Napoli, ribaltando nel giro di 13′ il vantaggio di Bogliacino. Nonostante cinque assenze pesantissime (Bresciano, Miccoli, Guana, Amauri e Migliaccio), i padroni di casa si sono riscattati alla grande, aggiudicandosi l’atteso derby delle due Sicilie vietato ai tifosi partenopei e al loro tradizionale folklore, ma ugualmente pirotecnico, vibrante e di buoni contenuti tecnici.

Il primo tempo si gioca su ritmi molto alti: Palermo e Napoli non si risparmiano e alla fine saranno in tutto nove le occasioni da gol confezionate dalle due squadre (5 a favore degli ospiti, 4 dei padroni di casa). Difficile stabilire, nella rivisitazione degli episodi salienti, chi dei due dovrebbe mordersi di più le mani, visto che il Palermo colpisce addirittura due pali, fra il 20′ e il 21′. C’è grande agonismo in campo, ma anche una certa dose di fair-play, tutto a beneficio dello spettacolo, che resta sempre attraente. Gli applausi, ben presto, si sostituiscono ai fischi piovuti sul capo di Colantuono durante e dopo il match contro il Parma.

Davanti agli occhi del presidente Zamparini, il Palermo parte con il piede sull’acceleratore, ma è il Napoli ad andare vicino al gol al 10′ con Lavezzi, che raccoglie una corta respinta dei difensori avversari e, dall’interno dell’area, impegna Fontana in una parata difficilissima vicino al palo di destra. Cavani, poco dopo il quarto d’ora impegna Iezzo, mentre Hamsyk spreca il pallone dell’1-0 all 8′, calciando alto a tu per tu con Fontana, al culmine di una bella triangolazione Gargano-Bogliacino.

Nemmeno il tempo di rifiatare e Tedesco timbra il palo, raccogliendo di testa un cross dalla sinistra di Capuano. Passano pochi secondi e un tiro di Brienza dai 18 metri si stampa sullo stesso montante alla sinistra di Iezzo. Non è serata. Ma non sembra esserla nemmeno per il Napoli, come testimonia Zalayeta, il cui colpo di testa a pochi metri da Fontana finisce alto di poco. Una punizione del solito Brienza finisce alta al 37′ e al 42′ Lavezzi – da non più di 8 metri – spara addosso a Fontana, sempre bravo e reattivo. Il tempo si chiude ancora con Brienza che cerca la via della rete, ma Iezzo fa ancora buona guardia.

Il secondo tempo appare ancor più promettente del primo: il Napoli passa dopo 9′ con Bogliacino che raccoglie di testa un cross dalla destra di Lavezzi e, dopo un violento scontro con Zaccardo, deposita il pallone alle spalle di Fontana. La squadra di Reja non fa in tempo a godersi l’1-0, perchè Giovanni Tedesco ristabilisce la parità con un gran tiro a parabola (c’è però una deviazione) che fa esplodere di gioia il Barbera. Lo stesso idolo di casa, nato a cresciuto a poche centinaia di metri dallo stadio e poi emigrato per motivi calcistici, confeziona il raddoppio con una deviazione su corner di Brienza (poi corsa verso il figlio alle spalle della porta e abbraccio da libro Cuore) che vale la vittoria e pone fine al gelo fra tifosi e squadra.

Il finale è vietato a chi soffre alle coronarie: il Napoli si tuffa disperatamente in avanti, rischia sui contropiede del Palermo, ma sfiora in diverse occasioni il pari che avrebbe anche meritato, ma non è riuscito a raggiungere perchè una volta tanto il dispositivo di difesa del Palermo è apparso inespugnabile. Anche questo fa parte dei progressi palesati dai rosanero che, dopo la buona prestazione di Genova, sono riusciti anche a scrollarsi di dosso la sindrome del Barbera. E così, i fischi hanno lasciato spazio ai cori d’incitamento. Basta poco per cambiare il destino di un allenatore.

PALERMO-NAPOLI 2-1
Palermo (4-3-2-1): Fontana 7, Zaccardo 5.5, Biava 6.5, Barzagli 6, Capuano 5.5 (11′ st Pisano 5.5), Diana 6, Gio. Tedesco 7 (28′ st Cassani sv), Simplicio 6 (39′ st Jankovic sv), Caserta 6, Brienza 7.5, Cavani 6. (1 Agliardi, 53 Cossentino, 67 Velardi, 77 Rinaudo). All.: Colantuono 6.5.
Napoli (3-5-2): Iezzo 6, Contini sv (23′ st Maldonado 5, 29′ st Calaiò sv), P. Cannavaro 5.5, Domizzi 6, Garics 6, Hamsyk 6.5, Gargano 6.5, Bogliacino 6.5, Savini 5.5, Lavezzi 6.5, Zalayeta 6 (37′ st Sosa sv). (22 Gianello, 2 Grava, 4 Montervino, 24 Dalla Bona). All.: Reja 6.
Arbitro: Rosetti di Torino 6.
Reti: nel st 9′ Bogliacino, 12′ Gio. Tedesco, 22′ Gio. Tedesco.
Note: angoli: 5-3 per il Palermo. Recupero: 2′ e 6′. Ammoniti: P. Cannavaro, Maldonado per gioco falloso, Hamsyk per proteste, Jankovic, Caserta per ostruzionismo. Spettatori: 25.138, per un incasso di 398.709,92 euro.

LASICILIA.IT

Written by: admin

Rate it

Previous post


0%