.:| Powered by www.ion.it |:.   
 

 
Home Page | Siti Partner | Photogallery | Guestbook | Staff | Chi Siamo | Contatti
 

NEWS:


• Coez festeggia 10 anni di carriera con "Eʼ sempre bello"
del 13/1/2019


• Annalisa Minetti, attacco social: “Sei cieca, non dovevi fare figli"
del 13/1/2019


• Lady Gaga: "Accuse indifendibili e orribili, non lavorerò più con R. Kelly"
del 13/1/2019


• Jennifer Lopez, a 49 anni splendide curve e fisico da urlo in copertina
del 13/1/2019


• Mattarella: "Sicurezza c'è se tutti si sentono rispettati.
del 1/1/2019


• Indonesia, sale a 429 morti il bilancio delle vittime dello tsunami. Ed è emergenza sanitaria
del 25/12/2018


Archivio News
CLASSIFICHE:
TOP ITALIA
TOP Radio Amica Fm PLAYLIST:
ITALIANA
DANCE
INTERNAZIONALE

 


il Papa: «Ad alimentare la vita non sono i beni, ma l’amore»   25/12/2018


CITTÀ DEL VATICANO - «Stanotte, anche noi saliamo a Betlemme per scoprirvi il mistero del Natale…». Il canto della Kalenda a ripercorrere il racconto della creazione, le campane della Basilica di San Pietro che iniziano a suonare, le luci che s’accendono, la processione con statua di Gesù Bambino verso il presepe. Il sesto Natale di Francesco è un invito a mettersi in cammino verso l’origine del cristianesimo, il suo senso essenziale: «La strada, anche oggi, è in salita: va superata la vetta dell’egoismo, non bisogna scivolare nei burroni della mondanità e del consumismo».Nella notte di Natale, il Papa riflette su quella svolta della storia. «Betlemme: il nome significa “casa del pane”. In questa “casa” il Signore dà oggi appuntamento all’umanità. Egli sa che abbiamo bisogno di cibo per vivere. Ma sa anche che i nutrimenti del mondo non saziano il cuore». Nella Scrittura, ricorda, il peccato originale è associato al frutto proibito, al prendere cibo: «Prese e mangiò. L’uomo è diventato avido e vorace. Avere, riempirsi di cose pare a tanti il senso della vita. Un’insaziabile ingordigia attraversa la storia umana, fino ai paradossi di oggi, quando pochi banchettano lautamente e troppi non hanno pane per vivere». Nella «casa del pane», invece, «Dio nasce in una mangiatoia, come a dirci: eccomi a voi, come vostro cibo. Non prende, offre da mangiare; non dà qualcosa, ma se stesso». Così «il corpicino del Bambino di Betlemme lancia un nuovo modello di vita: non divorare e accaparrare, ma condividere e donare», argomenta Francesco. «Dio si fa piccolo per essere nostro cibo. Nutrendoci di Lui, Pane di vita, possiamo rinascere nell’amore e spezzare la spirale dell’avidità e dell’ingordigia. Dalla “casa del pane”, Gesù riporta l’uomo a casa, perché diventi familiare del suo Dio e fratello del suo prossimo». Davanti alla mangiatoia, insomma, «capiamo che ad alimentare la vita non sono i beni, ma l’amore; non la voracità, ma la carità; non l’abbondanza da ostentare, ma la semplicità da custodire».


 
 
           

Archivio Eventi

 
 
 
 
 

 

Il palinsesto di Radio Amica Fm

Lunedì - Martedì - Mercoledì - Giovedì - Venerdì - Sabato - Domenica



Le nostre frequenze:

ALESSANDRIA DELLA ROCCA 106.800 MHZ
PROV.DI AGRIGENTO 89.800 MHZ


 

 
 


Radio Amica Fm
www.amicafm.it
Richiedi un brano
HOME PAGE | SITI PARTNER | PHOTOGALLERY | GUESTBOOK | STAFF| CHI SIAMO| CONTATTI
 .:| Powered by www.ion.it |:.